Asti: Arrestato in flagranza 25enne di etnia Rom autore di un’estorsione

2' di lettura 06/07/2022 - Qualche giorno fa, a seguito di un’attiva d’indagine lampo, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Asti, la Squadra Mobile della Questura di Asti – 3ª Sezione Reati contro il Patrimonio e la Pubblica Amministrazione, ha arrestato in flagranza di reato un soggetto di etnia Rom di 25 anni, autore di un’estorsione.

L’indagine era iniziata appena qualche giorno prima, quando gli Agenti della Squadra Mobile avevano raccolto le dichiarazioni della vittima, la quale aveva spiegato che suo figlio, insieme ad un amico, dopo aver utilizzato un furgone del Rom ed averlo danneggiato, erano stati avvicinati da quest’ultimo insieme ad altri soggetti che, dopo averli minacciati ed avergli sottratto i documenti, gli avevano chiesto un ristoro di 9000 euro per i danni arrecati e per vedersi restituiti i documenti.

Il padre, dopo aver incontrato l’estorsore, aveva a lui comunicato di non avere a disposizione quella cifra, ma quest’ultimo, dopo aver abbassato la richiesta a 7000 euro (per lui 3500 e per il padre dell’altro ragazzo altri 3500), continuava nelle minacce, comunicando in modo diretto che sapeva dove abitavano lui e il figlio, e che poteva succedere qualcosa di brutto.

Viste le richieste chiaramente a carattere estorsivo, considerando altresì che il veicolo, particolarmente vetusto, era stato acquistato molti anni prima a 750 euro, e che quindi la richiesta di denaro era del tutto esorbitante e finalizzata a trarre profitto dalla vicenda, gli Agenti della Squadra Mobile, dopo che l’estorsore si era messo in contatto nuovamente con la vittima per vedersi consegnato il denaro, predisponevano un apposito servizio.

Nel corso dell’incontro tra la vittima e l’estorsore, avvenuto in questo centro cittadino, la consegna di denaro avveniva sotto il controllo degli investigatori della Squadra Mobile che, non appena monitoravano la consegna di denaro da parte della vittima al soggetto di etnia Rom, intervenivano ed arrestavano in flagranza di reato l’autore della condotta estorsiva. Il denaro veniva sequestrato e dopodiché restituito all’avente diritto.

Il soggetto, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, veniva tradotto all’interno della locale casa di reclusione e, a seguito dell’udienza di convalida, su richiesta del Pubblico Ministero, l’arresto veniva convalidato e, visti i gravi indizi di colpevolezza, veniva disposta la custodia cautelare in carcere.






Questo è un articolo pubblicato il 06-07-2022 alle 12:27 sul giornale del 07 luglio 2022 - 114 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/deAv





logoEV