Cuneo: Scoperto un commercio abusivo online, sequestrati oltre 300 mila prodotti accessori ai tabacchi da fumo

2' di lettura 23/07/2022 - Prosegue, costante, l’azione delle Fiamme Gialle della “Granda” a contrasto di tutti gli illeciti economico-finanziari sul territorio provinciale.

In questo caso, le Fiamme Gialle del Gruppo di Bra hanno concluso una complessa attività di polizia giudiziaria in materia di commercializzazione di prodotti accessori ai tabacchi da fumo (filtri e cartine arrotolate per sigarette), scaturita da una segnalazione dai Reparti Speciali della Guardia di Finanza che monitorano i prodotti commercializzati on-line sui più noti marketplace.

Dal primo gennaio 2020, tali prodotti sono assoggettati ad imposta di consumo ed, essendo assimilati ai tabacchi, non possono essere venduti al pubblico se non attraverso le rivendite fisiche autorizzate e, comunque, mai on-line.

Pertanto, partendo dall’analisi di alcune inserzioni presenti sul marketplace di un noto sito internet, i militari del Gruppo braidese hanno scoperto un rilevante quantitativo di cartine e filtri per arrotolare le sigarette commercializzato senza la preventiva e obbligatoria autorizzazione dell’Agenzia delle Accise Dogane e Monopoli.

Dopo costanti sopralluoghi e appostamenti presso i luoghi interessati dall’indagine nonché grazie alla penetrante ispezione di tutte le inserzioni pubblicate on-line da un soggetto residente nel braidese, i finanzieri, autorizzati dalla Procura della Repubblica di Asti, hanno sequestrato 10 Kilogrammi di prodotti accessori ai tabacchi da fumo pronti per essere immessi illecitamente sul mercato oltre ad un personal computer utilizzato per la vendita on-line degli stessi prodotti.

L’intera attività eseguita ha permesso di rilevare l’avvenuta commercializzazione di circa 2 milioni di unità e il sequestro di 300 mila prodotti accessori ai tabacchi da fumo, nonché di deferire il responsabile alla Procura della Repubblica astigiana per aver commercializzato senza autorizzazione i citati ingenti quantitativi di prodotti.

Nonostante la specificità della materia trattata, non usuale per il territorio cuneese, l’attività di servizio del Gruppo di Bra, partendo da una semplice segnalazione circa l’esistenza di eventuali violazioni della normativa in materia di vendita on-line di prodotti soggetti ad Accisa, ha consentito di contrastare un illecito commercio, abilmente celato dietro le intricate maglie del web. Ciò a tutela della legalità economico finanziaria, a difesa dei cittadini onesti.






Questo è un articolo pubblicato il 23-07-2022 alle 20:01 sul giornale del 25 luglio 2022 - 115 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dhlz





logoEV