SEI IN > VIVERE PIEMONTE > ATTUALITA'
articolo

“I Giovedì in CAMERA” vedono protagonista Marilyn Monroe

2' di lettura
28

Appuntamento il 9 marzo in occasione della mostra su Eve Arnold

In occasione della mostra Eve Arnold. L’opera 1950-1980, aperta a CAMERA - Centro Italiano per la Fotografia di Torino, giovedì 9 marzo, alle ore 18.30 prende avvio il primo incontro del ciclo de “I Giovedì in CAMERA”, appuntamenti che si sviluppano nell’arco dei mesi di mostra per raccontare la figura di Eve Arnold, artista e donna del suo tempo, attraverso le parole di esperti, autori contemporanei e testimoni dell’epoca. Il primo incontro si concentra su Eve Arnold e Marilyn Monroe: diva e icona capace di ispirare artisti e fotografi, Marilyn Monroe deve parte del suo successo anche all’incredibile capacità di posare davanti all’obiettivo, dando agli scatti che la ritraggono un’imparagonabile forza iconica. Le immagini che Arnold scatta a Monroe, tuttavia, riescono ad andare anche oltre questo aspetto, per aprire uno spaccato inedito sulla personalità dell’attrice oltre la diva. È Monroe ad avvicinare la fotografa ad un party nel 1954, dicendole “Se sei riuscita a fare così bene con Marlene, riesci a immaginare cosa potresti fare con me?”. Nel corso dei dieci anni successivi, lavorano insieme in sei diverse occasioni. Gli scatti più noti sono quelli realizzati sul set del film Gli spostati, dove Arnold rimane più di due mesi su richiesta di Monroe. Al momento del suo arrivo, l’attrice è appena uscita dall’ospedale per un’overdose, il suo matrimonio con Arthur Miller sta naufragando e il caldo torrido del Nevada rende le riprese ancora più difficili. Uno degli scatti più toccanti la raffigura assorta nel ripetere le sue battute davanti al brullo deserto del Nevada. Il contrasto morbido dell’immagine crea un velo di silenzio e malinconia. Arnold ha colto l’attrice spogliata di ogni finzione, mostrandone l’umanità e la vulnerabilità. Protagonista dell’incontro è Giulia Carluccio, fra le maggiori studiose della figura di Monroe, che, insieme a Monica Poggi, curatrice della mostra, rifletterà sugli intrecci che la vita e le opere di queste due donne formano con la letteratura, il cinema e la fotografia.



Questo è un articolo pubblicato il 08-03-2023 alle 16:05 sul giornale del 09 marzo 2023 - 28 letture






qrcode