SEI IN > VIVERE PIEMONTE > SPETTACOLI
comunicato stampa

Torino: Porte aperte alla Cineteca del Museo Nazionale del Cinema

2' di lettura
46

Il 15 marzo 2024 dalle 10 alle 15 il Museo Nazionale del Cinema apre le porte della sua Cineteca per un esclusivo appuntamento dedicato agli appassionati che desiderano scoprire il ricco patrimonio dell’archivio filmico e di parte delle collezioni di Apparecchi del Museo.

All’interno del laboratorio i visitatori avranno l’esclusiva possibilità di seguire le principali fasi del passaggio da pellicola a file digitale 4K, potendo osservare il funzionamento dal vivo di una scan station di ultima generazione. A completamento della visita, la possibilità di ammirare e conoscere alcuni degli apparecchi di grandi dimensioni, conservati all’interno dei locali della cineteca. Sono previsti due turni, uno alle ore 10:00 e uno alle ore 15:00. La visita sarà condotta dal Responsabile della cineteca Gabriele Perrone e dalla Responsabile della collezione apparecchi Raffaella Isoardi.

L’evento è a numero chiuso e l’accesso è previsto previa prenotazione all’indirizzo perrone@museocinema.it

Il Museo conserva un ingente patrimonio di materiali rari e preziosi, in molti casi unici al mondo, che conta oltre 2.200.000 opere tra film, documenti d’archivio, fotografie, apparecchi e oggetti d’arte, manifesti, memorabilia del cinema, volumi e registrazioni sonore, in una collezione considerata tra le più preziose al mondo. Sono documentati tre grandi filoni tematici: l’archeologia del cinema, la fotografia e la storia del cinema.

Composta da un numero importante di materiali nei più diversi formati e supporti tra cui il nitrato, la collezione della Cineteca conta oggi più di 30.000 film in pellicola e 48.000 film su altri supporti, rappresentativi delle diverse epoche e filmografie, da Giovanni Pastrone a Werner Herzog, con oltre 100 lungometraggi e più di 800 produzioni mute su pellicola. Non solo bobine, ma anche macchine da presa storiche, fotografie d’archivio e un laboratorio per restaurare e digitalizzare un patrimonio archeologico che andrebbe altrimenti perduto a causa del deterioramento dato dal tempo. Tra i numerosi titoli ad oggi restaurati ricordiamo: Cabiria, Il Fuoco, la serie Maciste e La guerra e il sogno di Momi, fino ai più recenti Quien sabe?, Todo modo e Santa Maradona. La collezione degli Apparecchi conta 12.000 dispositivi, oggetti d’arte e stampe dell'archeologia del cinema e 9.500 apparecchi, in parte conservati nel caveau, in parte nei locali della cineteca, e testimonia sia la storia della tecnica del cinema sia la storia della riproduzione sonora e soprattutto quella della fotografia a cui è dedicata un’ampia sezione.

Sul canale Vimeo della Cineteca è possibile visionare frammenti, sonorizzazioni e restauri digitalizzati a cura del Museo.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-03-2024 alle 17:48 sul giornale del 12 marzo 2024 - 46 letture






qrcode