SEI IN > VIVERE PIEMONTE > SPETTACOLI
comunicato stampa

Peter Freestrone, assistente personale di Freddie Mercury, arriva al Valsusa Filmfest

3' di lettura
46

Tra gli appuntamenti della 28 a edizione del Valsusa FilmFest, in programma tra il 12 aprile e il 14 maggio in vari comuni della Valle di Susa, sabato 13 aprile alle ore 21 al Teatro Magnetto di Almese è in programma un evento eccezionale ed esclusivo.

Peter Freestone, assistente personale e grande amico di Freddie Mercury per 11 anni, sarà per prima volta in Piemonte come protagonista principale di “Peter Freestone Remembers Freddie”, un evento in cui racconterà la sua vita trascorsa con la famosa rockstar.
Peter conobbe Freddie nel 1979, quando lavorava come addetto al guardaroba del Royal Ballet. Dopo poco tempo la rockstar lo cercò affinchè si occupasse dei costumi da tour dei Queen, per poi diventare suo assistente personale per gli undici anni successivi.
Tra i due nacque un'amicizia profonda che durò fino all'ultimo giorno di vita del leggendario frontman dei Queen.Peter è stato un tuttofare per Freddie nella sua vita privata e in quella lavorativa, durante momenti di gloria e periodi bui. Viveva nella casa di Freddie ed è stato per lui cuoco, cameriere, segretario, autista, bodyguard, infermerie e tutto ciò di cui c’era bisogno… ma soprattutto un grande amico.
Con la regia di Daniele Croce e la conduzione di Maurizio Pisu, l’evento prevede inoltre la partecipazione di Milan Devinne, cantante e manager di Peter Freestone, e il concerto della italian tribute band “Classic Queen”. Le traduzioni saranno a cura della Prof.ssa Carmen Loglisci.

ILVALSUSA FILMFEST
Il Valsusa Filmfest è un festival che dal 1997 anima la Valle di Susa su tre temi principali: il cinema, la memoria storica e l’ambiente. Un festival itinerante che in numerosi comuni della Valle ha proposto in ogni edizione concorsi cinematografici, proiezioni fuori concorso e numerosi eventi a cavallo tra cinema, letteratura, musica, teatro, arte e impegno civile, coinvolgendo scuole, associazioni e tante singole persone grazie al suo profondo radicamento nel territorio. L’obiettivo principale del festival è sempre stato quello di promuovere cultura dando ampio spazio alle nuove generazioni e a eventi in grado di far riflettere e cogliere i cambiamenti sociali, culturali e politici della contemporaneità.

La 28° edizione si svolge tra il 12 aprile e il 14 maggio i diversi comuni della Valle di Susa ed ha come tema e sottotitolo la frase “Si potrebbe poi sperare tutti in un mondo migliore. Vengo anch’io? No, tu no”, citazione dalla celebre canzone di Enzo Jannacci. Nonostante il tono apparentemente umoristico, la tematica di fondo della canzone è quello della solidarietà e dell’inclusione nei confronti di persone che vivono ai margini della società perché escluse. Un tema che riflette la costante volontà di stimolare la riflessione sulla società contemporanea da parte dell’associazione Valsusa Filmfest, offrendo una piattaforma per esprimere speranze, dubbi e desideri riguardo a un futuro migliore, più consapevole, accogliente e solidale. Non importa da dove veniamo, ma ciò che conta è l'impegno comune nel cercare risposte condivise, eque e rispettose, che vadano verso un: 'Vengo anch’io? Si, tu sì!"



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-03-2024 alle 16:44 sul giornale del 15 marzo 2024 - 46 letture






qrcode