SEI IN > VIVERE PIEMONTE > CRONACA
articolo

Caffetteria usata come base per lo spaccio, due arresti nel chierese

1' di lettura
32

carabinieri

Arrestati dai Carabinieri di Chieri, i due gestivano la compravendita di droga da un bar del chierese e rifornivano, oltre la zona di Chieri, anche astigiano e canavese.

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Chieri hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere e un'ordinanza di divieto di dimora nel Comune e nella Provincia di Torino, nei confronti di due uomini, entrambi residenti nel chierese, che dall’agosto 2022 al marzo 2023, si sarebbero occupati del rifornimento e della vendita di sostanze stupefacenti, non solo nella cittadina ma anche nei comuni limitrofi, toccando anche alcune aree dell’astigiano e del canavese e utilizzando un bar del chierese come quartier generale per la gestione delle compravendite.
Gli investigatori hanno ricostruito il modus operandi dei due protagonisti, un 36enne e un 31enne già noti alle Forze dell’Ordine, i quali, grazie anche all’utilizzo di applicazioni di messaggistica usando termini “in codice”, utenze telefoniche intestate a terze persone e alla complicità di alcuni clienti, avrebbero gestito varie piazze di spaccio nella zona di Chieri e coordinato la loro attività con scrupolosamente per eludere eventuali controlli di polizia.

Durante le indagini, i Carabinieri hanno riscontrato numerose vendite ad altrettanti clienti e sequestrato complessivamente circa 1 kg, tra hashish e cocaina. I due uomini destinatari delle misure cautelari, sono accusati di “detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti”.



carabinieri

Questo è un articolo pubblicato il 24-05-2024 alle 16:08 sul giornale del 25 maggio 2024 - 32 letture






qrcode