SEI IN > VIVERE PIEMONTE > SPETTACOLI
comunicato stampa

Faber Moreira entra nel Guinness World Record: alla consolle per 244 ore, 2 minuti e 16 secondi

5' di lettura
38

Lorenzo Veltri, giudice di Guinness World Record per tutta la giornata di domenica 26 maggio ha esaminato i documenti e i video e, alle 23, ha consegnato la certificazione del primato a Fabrizio Morero per aver eseguito la più lunga maratona di mixaggio alla consolle al mondo

Fabrizio Morero, saluzzese, 59 anni, a 13 anni scopre la passione per la musica. È in un negozio, compra il primo disco. È Contact di Edwin Starr. A questo primo se ne sono aggiunti altri, tanti altri e oggi la sua collezione supera i seimila vinili. Fabrizio prende il nome d’arte di Faber Moreira quando, attorno ai 20 anni, inizia la sua vita dietro alla consolle. Come Faber si è esibito nei migliori locali di tutta Italia, Ibiza e Sharm el Sheik, ha collaborato con Radio Monte Carlo, Radio Party Groove e Radio Number One, è stato direttore artistico di diverse manifestazioni e ha pubblicato numerose tracce con etichette canadesi e tedesche.
Per 18 mesi allenamenti da 2 ore al giorno, con qualsiasi tempo, alternando corsa, nuoto, yoga e palestra; niente alcolici e caffeina e bevande energetiche; dieta scrupolosa, rigido e costante controllo medico durante la prova; uno staff di un centinaio di persone che hanno partecipato all’organizzazione e affiancato Faber Moreira in questi giorni del WRA Festival: testimoni, addetti al palco e alla sicurezza, tecnici del suono, luci e regia, addetti all’accoglienza, lo staff della comunicazione, a cui si deve poi aggiungere il personale dei ristoranti e bar.

«Mi sono preparato a questa maratona da oltre 18 mesi, ho vissuto alla consolle nel Pala CRS per 10 giorni, superando ore difficili, in cui il corpo chiedeva di fermarsi e solo la determinazione e il potere della musica mi hanno fatto procedere. L’emozione oggi è alle stelle e ancora non ci credo di essere entrato nel libro dei record, ma è successo e sono felice sia avvenuto a Saluzzo, la mia città natale, circondato dal calore della sua gente e supportato da una squadra straordinaria, da sponsor e sostenitori che ringrazio di cuore. Con questi 10 giorni di musica no stop, aperti a tutti volevo far scoprire l’energia di Saluzzo e mostrare quanto la musica possa unire, far sprigionare buone energie, senza bisogno di sballi, e farci bene al corpo, all’anima, alla vita. Volevo, soprattutto, lanciare un messaggio in cui credo profondamente: Start the music, stop the war!».

Ad applaudire, la folla delle grandi occasioni, il pubblico che ha seguito Faber in queste 10 giornate e nottate alla consolle, in cui il dj ha suonato instancabilmente, fermandosi solo 2 ore al giorno per dormire e per le sue necessità.
Lorenzo Veltri è arrivato a Saluzzo verso le 18 del 25 maggio, ma per chiudere il cronometro della sfida ha dovuto attendere la decisione di Faber Moreira, giunta all’1 di domenica 26 maggio, 4 ore dopo l’obiettivo che il dj aveva dichiarato di voler raggiungere. Arrivato alle 240 ore, infatti, il Moreira aveva deciso di andare avanti, carico dell’adrenalina trasmessa dal pubblico entusiasta.

E se l’urlo del popolo della notte è stato elettrizzante appena stoppato il cronometro, il tributo di fronte alla consegna della certificazione è stato incredibile: desiderato, sperato e oggettivamente difficile da raggiungere, il record di maratona dj alla consolle è un risultato epico, che inserisce di diritto Moreira nella storia della musica oltre che nel libro dei record.

Il giovane dj di Pinerolo classe 1998, Michael Laggiard in arte Michael Dera, che ha vinto il contest per dj emergenti, ha atteso Moreira in consolle per l’esibizione di apertura. Il pubblico assiepato in sala ha aspettato l’arrivo del giudice fino alle 23, per salutare con un boato il suo ingresso sul palco e con un fragore ancora più intenso la consegna della targa a Faber Moreira, che ha esultato con tutta la forza che aveva in corpo.

Tra il pubblico, ad applaudire, giovani, anziani, famiglie con bambini, cinquantenni che hanno visto Moreira muovere i primi passi da dj e ora hanno applaudito il suo momento di gloria. Ed anche colleghi dj, ballerini, vocalist, musicisti, giovani dj emergenti, il compositore Enrico Sabena, autore di quella Start the music, stop the war che, remixata da Moreira, è stata fil rouge della maratona e suo brano conclusivo.

E, naturalmente anche sponsor e sostenitori, come Redbull che ha dichiarato: «Al WRA Festival, l'uomo da record Faber Moreira è riuscito in un'impresa che sembrava impossibile, suonando per oltre 240 ore e battendo ogni altro record precedente. Red Bull è orgogliosa di aver contribuito al successo di questo evento straordinario». E Bra Servizi, il cui fondatore, il cavaliere di Gran Croce Giuseppe Piumatti, ha affermato: «244 ore è un risultato straordinario, dietro il quale c'è stato un impegno organizzativo incredibile di Faber e di tutta la sua squadra. Complimenti! Sono felice di averlo supportato e, se si lancerà in altre imprese, continuerò a sostenerlo».

Sul sito www.wrafestival.it è possibile scoprire curiosità sul Festival e la biografia completa di Fabrizio Morero, in arte Faber Moreira.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-05-2024 alle 16:14 sul giornale del 28 maggio 2024 - 38 letture






qrcode