SEI IN > VIVERE PIEMONTE > POLITICA
articolo

Come si vota alle Regionali del Piemonte 2024

3' di lettura
70

Le elezioni regionali del Piemonte dell’8 e 9 giugno 2024 si avvicinano: capire come esprimere correttamente il voto è fondamentale per garantire che la propria volontà sia adeguatamente rappresentata. Ecco una guida su come votare.

Ogni elettore riceve una scheda elettorale che contiene due sezioni principali:

  • Candidati alla Presidenza della Regione: I nomi dei candidati presidente.
  • Liste Regionali: Le liste dei candidati al consiglio regionale, suddivise per coalizione.

L’elettore può esprimere fino a tre preferenze distintamente:

  1. Voto per il Presidente della Regione: Barrando il nome del candidato presidente preferito.
  2. Voto per una Lista Regionale: Barrando il simbolo della lista prescelta.
  3. Preferenza per Candidati della Lista: Scrivendo i nomi dei candidati preferiti accanto al simbolo della lista scelta.

Il voto disgiunto permette di votare per un candidato presidente di una coalizione e, contemporaneamente, per una lista di un’altra coalizione. Ad esempio, un elettore può scegliere il candidato presidente della coalizione A e votare per una lista della coalizione B o C o D. Il voto disgiunto offre diversi vantaggi: gli elettori non sono vincolati a votare solo le liste che sostengono il loro candidato presidente preferito, consente di comporre il consiglio regionale in maniera più rappresentativa delle diverse sensibilità politiche e permette agli elettori di votare separatamente per il presidente e per la lista, rispecchiando meglio le loro reali preferenze. Il voto disgiunto può risultare più complesso e c’è il rischio di annullamento del voto se non vengono seguite correttamente le istruzioni. È importante leggere attentamente la scheda elettorale e capire come esprimere correttamente le proprie preferenze.

Gli elettori possono esprimere due preferenze per i candidati al consiglio regionale, purché siano di genere diverso. Se le due preferenze sono per candidati dello stesso sesso, la seconda preferenza verrà annullata. Introdotto dalla nuova legge elettorale subalpina, approvata nell’ultima legislatura, il voto con preferenza di genere alle elezioni regionali in Piemonte è una misura adottata per promuovere la parità di genere nella rappresentanza politica. Questa norma permette agli elettori di esprimere due preferenze per i candidati al consiglio regionale, a condizione che siano di genere diverso, cioè una per una donna e una per un uomo. Questo sistema è parte di un più ampio sforzo per garantire una rappresentanza equilibrata tra uomini e donne nelle istituzioni politiche, come richiesto dalla legislazione nazionale.

…E dopo che succede….
Quando si chiudono le urne e si è fatta la conta dei voti, la procedura di insediamento prevede ancora diversi e fondamentali passaggi. Intanto, alla proclamazione del Presidente della Giunta regionale, decade l’esecutivo precedente e cessano dalla carica gli assessori esterni; però, sia il Presidente uscente, sia i consiglieri uscenti, compresi gli ex assessori che erano stati eletti, restano ancora in carica come componenti del Consiglio. Per questa dodicesima legislatura, basandoci sulle tempistiche tenute cinque anni fa, possiamo prevedere che la proclamazione avverrà tra il 19 e il 24 giugno 2024.

C’è quindi la nomina della nuova Giunta da parte del Presidente, che per Statuto deve essere conclusa entro dieci giorni dalla nomina del Presidente stesso.

L’ultimo adempimento codificato per la ripartenza di legislatura, è infine la cosiddetta riassunzione dei progetti presentati nell’undicesima legislatura, che deve essere fatta entro i sei mesi successivi.



Questo è un articolo pubblicato il 03-06-2024 alle 17:23 sul giornale del 04 giugno 2024 - 70 letture






qrcode